Parliamo di un eCommerce di gioielli, che abbiamo realizzato sotto Natale.

E no, il titolo non è un’esagerazione. Se non sei d’accordo con me ti invito a cercare un po’ di statistiche e verificare quanti imprenditori in media riescono ad ottenere gli stessi risultati di cui ti sto per parlare.

La prima volta che ho sentito il nome di Veronica è successo questo: ero in ufficio con un cliente, termino, e un collaboratore mi dice: “Ha chiamato una ragazza, ha detto di avere bisogno di aiuto perché la vecchia Web Agency l’ha piantata in asso e rischia di perdere il sito e anche la mail aziendale, e non possono perdere la mail aziendale”.

Io ho pensato: “Ma cosa vuole da noi? Mica risolviamo problemi tecnici, tanto meno causati da altri!”. Poi, due minuti dopo sono tornata in me, alla mia umiltà, e l’ho richiamata. Il problema (con non poca fatica) è stato risolto, e ora le caselle email vivono felici e contente.

Ma il punto non è questo.

Sono sempre rimasta in contatto con Veronica e con la sua famiglia. Meno di un anno fa hanno deciso di entrare nel mondo dell’eCommerce in un mercato difficile, in cui il prodotto non è un bene di prima necessità o un clone low cost. Loro vendono prodotti di gioielleria di alta qualità, dei migliori brand. E vendono quarantamila prodotti, non 500.

Parliamo del più importante franchising di gioiellerie in Sardegna, e vi assicuro che quando si tratta di aziende di una certa entità, iniziare un lavoro con me non è affatto semplice: ho detto a Veronica che avrei svolto il lavoro solo se avesse garantito impegno e puntualità nel fornirmi una miriade di informazioni e materiali, consentendomi di entrare dentro la loro azienda e rappresentarla al meglio, per le risorse di cui potevamo disporre.

Un investimento eCommerce non è certo cosa da poco, specie quando il sentiero è assai misterioso da essere più che altro un salto nel vuoto. Quindi, con un respiro profondo e molto coraggio, la ragazza che vedete in foto, alla giovane età di 23 anni è venuta con la sua famiglia nel mio ufficio e mi ha detto: “Abbiamo deciso di farlo”.
Veronica ha saputo ideare e condurre il progetto di ingresso nel commercio elettronico con diligenza, entusiasmo e una competenza che mai in una persona così giovane avevo trovato.

Il progetto che ho creato per il loro eCommerce prevede, tra le altre cose, una chat in tempo reale con una personal shopper, e grazie ad un accordo che abbiamo stipulato con un corriere (oltre alla fitta rete di collaboratori delle gioiellerie) possono garantire la consegna in 3 ore lavorative dalla ricezione dell’ordine. Nella città di Oristano, si intende. Per il resto dell’Isola e della Penisola, occorrono i tempi standard.

Ma non siamo qua per parlare di me. Le menzioni ai miei servizi erano utili per quanto vi sto per raccontare.

Ha trascinato la sua famiglia in un’avventura iniziata in prossimità delle feste. Ha risposto alle mie telefonate all’una di notte, mi ha chiamato all’una di notte, si è resa disponibile a fornirmi informazioni per delle piccole emergenze causate da tipografi esterni, risolte mentre tutti dormivano, mi ha telefonato mentre era in auto con Manuela Arcuri per assicurarsi che tutto stesse procedendo per il meglio. Ha fatto le foto che le ho chiesto, anche quelle in cui doveva indossare e far indossare magliette con il logo, mi ha mandato le informazioni, i loghi, ha risposto a tutte le mie richieste, ha rispettato ogni singolo impegno. E non è finita: ha portato il suo staff fino a Cagliari, di sabato, per venire nel mio ufficio, per poi radunarlo anche a Oristano nelle loro gioiellerie per farmi conoscere e coordinare anche i dipendenti che ancora non conoscevo.

Come ogni salto nel buio che si rispetti, non sarebbe stato possibile inizialmente avviare chissà quale piano Marketing: ho dovuto ideare una strategia in cui a Veronica ed al suo staff sarebbero spettati molti compiti, tanto olio di gomito. Mi sono stati dietro con iniziative, influencer, concorsi, lettere, coupon sconto. Hanno infilato nelle buste della spesa ciascuno dei duemila bigliettini che ho fatto arrivare nelle loro gioiellerie. E lo hanno fatto con puntualità.

L’altro giorno, ed è questo il motivo che ha ispirato questo case study, Veronica mi contatta per dirmi che ha avuto un’idea (l’ennesima) che per privacy non posso divulgare, grazie a cui ha portato migliaia di clienti a visitare e conoscere anche l’eCommerce, e mentre parlavamo, stava conducendo una trattativa importante che, sommata al resto delle vendite avute nel sito (o comunque grazie al sito), su Facebook/email/telefono, avrebbe recuperato l’investimento sostenuto per l’acquisto dell’eCommerce.

E non è finita: in pochi mesi tra chat sito e social, ha ricevuto (ma soprattutto HA SAPUTO GESTIRE) centinaia tra messaggi, chiamate, commenti.

Cosa mi fa più felice?

Che questo è solo l’inizio.

Veronica è continuamente alla ricerca di nuovi software, prodotti per poter offrire con alte performance quello che è indubbiamente il miglior servizio eCommerce di gioiellerie in Sardegna.

Questa realtà è possibile solo grazie al suo talento, al sostegno e alla competenza di una famiglia di imprenditori che da 25 anni è protagonista del mercato in Sardegna e che, passo dopo passo, sta raggiungendo tutta l’Italia.